Reperti interrati a Lugano, scatta l'interrogazione

Torna a Notizie

Archeologia.

Reperti interrati a Lugano, scatta l'interrogazione

La notizia dell'interramento dei reperti archeologici trovati in Piazza Cioccaro a Lugano (vedi suggeriti) ha fatto scattare un'interrogazione da parte di Tessa Prati e Carlo Zoppi (primi firmatari).

I due Consiglieri Comunali del partito socialista chiedono in particolare per quale motivo una città come Lugano non disponga di uno spazio espositivo per rendere fruibile al grande pubblico l'importante ritrovamento. 

La decisione di interrare i reperti, ricordiamo, è stata presa dal proprietario dell'immobile in accordo con l'Ufficio cantonale dei beni culturali poiché l'operazione si sarebbe rivelata particolarmente onerosa e complicata, nonché potenzialmente rischiosa per i reperti stessi.

"La decisione dell’Ufficio dei Beni Culturali di ricoprire le scoperte - si legge nell'interrogazione - porta a mettere in dubbio quanto il nostro Cantone si preoccupi di mettere in mostra le conoscenze storico-archeologiche che possediamo. Se non siamo in grado di valorizzare le bellezze presenti sul nostro territorio dove speriamo di andare? Troppo spesso elemosiniamo i patrimoni dall'estero senza dare valore a quello che ci offre il nostro Cantone".

Nell'interrogazione i firmatari pongono quindi al Municipio di Lugano diversi quesiti:

1. Il municipio non ritiene che questo genere di reperti debbano essere valorizzati e tutelati in maniera attiva dalla città? Per il municipio quando un patrimonio è meritevole di essere protetto? 

2. Quando il comune concede un permesso di costruzione è cosciente che potrebbero emergere reperti archeologici? In caso di riscoperta qual è la procedura? Quali attori istituzionali entrano in gioco?

3. Lugano è la città più grande del cantone, ma oggi non ha un museo storico/archeologico di nessun tipo. Non si potrebbe creare in un museo cittadino una sezione di archeologia o nel museo delle culture e inserire una sezione di archeologia?

4. La città non potrebbe allestire dei percorsi didattici per mostrare alla popolazione, alle scuole e ai turisti la Lugano di un tempo valorizzando il nostro patrimonio?

5. In futuro la città si dimostrerà più proattiva a difendere il patrimonio archeologico del comune? In che modo? Con quali mezzi?

  • Pubblicato: Martedì, 18 Aprile 2017

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Esplorazioni