La torre di Gerusalemme a Gihon non sarebbe cananea, ma israelita

Torna a Notizie

Archeologia.

La torre della sorgente di Gihon (Weizmann Institute)

La torre di pietra che proteggeva la sorgente d’acqua di Gerusalemme, nota come Gihon, è stata datata tra il 900 e l’800 a.C., e non al 1700 a.C. come finora si pensava.

Il cambiamento è molto rilevante: la torre era ritenuta far parte della fortezza costruita dai Cananei, che qui abitarono prima dell’arrivo degli ebrei. Nella Bibbia viene citata la conquista da parte di re David, che in quelle fonti d’acqua fece poi consacrare suo figlio Salomone re d’Israele.

Il punto è che Davide morì verso il 970 a.C. e quindi questa torre non esisteva ancora. Il dibattito fra gli studiosi è appena cominciato.

 

Fortezza gebusea

La torre di guardia della sorgente di Gihon si trova sul monte Sion, ed era stata scoperta nel 2004 dagli archeologi Ronny Reich e Eli Shukron. Basandosi sui reperti di ceramica e sullo stile architettonico, la torre e la fortezza erano state datate al periodo cananeo (Età Media del Bronzo II). La possente fortificazione consentiva l’accesso alla sorgente solo da un ingresso, e solo dall’interno della città. Si pensava che fosse la più grande fortezza cananea in Israele.

Tuttavia, uno studio in collaborazione tra gli archeologi dell’Autorità Israeliana per le Antichità e gli scienziati dell’Istituto Weizmann ha collocato la costruzione della torre nella seconda metà dell’Età del Ferro, durante il periodo israelitico.

La questione Biblica

Le discussioni sulla fondazione e sui confini della Gerusalemme israelita spesso sono accusate di nazionalismo ebraico. Per coloro che prendono la Bibbia Ebraica letteralmente, questo nuovo studio potrebbero essere difficile da conciliare con il testo. La cosiddetta “Cittadella della sorgente d’acqua”, poiché ritenuta cananea, era stata identificata come la storica “Fortezza di Sion” menzionata nella Bibbia.

Qui di seguito il racconto della sua conquista di Re David contro la tribù canaanita dei Gebusei:

Il re e i suoi uomini mossero verso Gerusalemme contro i Gebusei che abitavano in quel paese. Costoro dissero a Davide: “Non entrerai qui: basteranno i ciechi e gli zoppi a respingerti”, per dire: “Davide non potrà entrare qui”. Ma Davide prese la rocca di Sion, cioè la città di Davide. Davide proclamò in quel giorno: “Chiunque colpirà i Gebusei e li raggiungerà attraverso il canale… Quanto ai ciechi e agli zoppi, sono in odio a Davide”. Per questo dicono: “Il cieco e lo zoppo non entreranno nella casa”. Davide abitò nella rocca e la chiamò Città di Davide. Egli vi fece intorno costruzioni, dal Millo verso l’interno.

(2 Samuele 5:6-9)

Qui Re David fece ungere suo figlio Salomone re d’Israele (più propriamente detto Regno di Giuda e Israele):

Il re Davide fece chiamare il sacerdote Zadòk, il profeta Natan e Benaià figlio di Ioiadà. Costoro si presentarono al re, che disse loro: “Prendete con voi la guardia del vostro signore: fate montare Salomone sulla mia mula e fatelo scendere a Ghicon. Ivi il sacerdote Zadòk e il profeta Natan lo ungano re d’Israele. Voi suonerete la tromba e griderete: Viva il re Salomone! Quindi risalirete dietro a lui, che verrà a sedere sul mio trono e regnerà al mio posto. Poiché io ho designato lui a divenire capo d’Israele e di Giuda”. Benaià figlio di Ioiadà rispose al re: “Così sia! Anche il Signore, Dio del re mio signore, decida allo stesso modo! Come il Signore ha assistito il re mio signore, così assista Salomone e renda il suo trono più splendido di quello del re Davide mio signore”. Scesero il sacerdote Zadòk, il profeta Natan e Benaià figlio di Ioiadà, insieme con i Cretei e con i Peletei; fecero montare Salomone sulla mula del re Davide e lo condussero a Ghicon. Il sacerdote Zadòk prese il corno dell’olio dalla tenda e unse Salomone al suono della tromba. Tutti i presenti gridarono: “Viva il re Salomone!”. Risalirono tutti dietro a lui, suonando i flauti e mostrando una grandissima gioia e i luoghi rimbombavano delle loro acclamazioni.

(1 Re 1:32-40)

Ora: Davide regnò tra il 1005 e il 970 a.C., mentre la fortezza è stata datata a dopo il 900 a.C. In altre parole non esisteva ancora durante il suo regno, e quindi (almeno questa torre) non sarebbe la Fortezza biblica di Sion.

sorgente Gihon Città di David

La sorgente Gihon, nella Città di David (Tal Glick/City of David Facebook)

Prove sedimentarie

L’archeologo Shukron scava da 15 anni la Cittadella della sorgente di Gihon, che è ormai diventata un’attrazione turistica. Ai visitatori viene mostrato un film che spiega la costruzione durante il periodo cananeo. Nel 2012 sono cominciati gli scavi anche della Torre della sorgente, che fa parte della cittadella. Recentemente, una squadra di archeologi diretta da Joe Uziel e Nahshon Szanton aveva scoperto che la torre non si appoggia sulla roccia, ma su strati di terreno.

L’analisi di campioni di terreno è stata effettuata dalla dottoressa Elisabetta Boaretto, responsabile del Laboratorio di datazione al radiocarbonio D-REAMS (Istituto Weizmann delle Scienze) e del Max Planck Weizmann Center for Integrative Archaeology and Anthropology. Per avere una datazione certa, sono state scelte due sezioni di sedimento in due luoghi diversi sotto le fondamenta della torre. I risultati indicano un periodo compreso tra il 900 e l’800 a.C., ovvero quasi 1.000 anni dopo secondo le precedenti stime, e comunque molto dopo il presunto regno di re Davide.

(cityofdavid.org.il)

I dubbi di Finkelstein

La notizia ha già fatto discutere gli esperti, che si interrogano sulle ripercussioni storiche. Israel Finkelstein, professore di archeologia dell’Università di Tel Aviv e famoso esperto di archeologia biblica, ha dichiarato al Times of Israel che lo studio di Boaretto, seppur interessante, non è conclusivo.

«Sono d’accordo con una delle possibilità sollevate dagli autori, ovvero che sia stato analizzato un settore restaurato del muro orientale della torre. La torre avrebbe potuto essere stata costruita nella Media Età del Bronzo e restaurata alla fine del IX secolo o addirittura più tardi. Che la torre originale fosse stata costruita nella Media Età del Bronzo è sostenuto dalla somiglianza dei metodi di costruzione in luoghi con luoghi come Shechem e Shiloh. Un [restauro] del tardo IX secolo non dovrebbe sorprendere: ci sono indicazioni che in quel momento la città stesse crescendo, dal Monte del Tempio a sud, in direzione della sorgente di Gihon».

La dottoressa Elisabetta Boaretto (Weizmann Institute of Science)

Israel Finkelstein (Wikipedia

  • Pubblicato: Mercoledì, 05 Luglio 2017

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Esplorazioni